Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Olismo

Cos’è l'olismo?

 

Il termine olistico deriva dalla parola greca holós, che significa "intero". L'olismo è una filosofia che considera l'organismo nella sua interezza piuttosto che nelle singole parti che lo compongono. La disciplina olistica, mette in armonia l'equilibrio emotivo, energetico, fisico e spirituale della persona per stimolare il processo di guarigione ed auto-guarigione.

La disciplina olistica valorizza, pertanto, l'interazione tra il corpo, la mente e lo spirito, che, secondo l'olismo, è ciò che ci indirizza nella vita e ci conferisce un senso di felicità interiore. Sottolinea inoltre, la responsabilità dell'individuo nel mantenimento del proprio benessere e della propria salute, nella prevenzione e nella guarigione delle malattie.

La medicina tradizionale mette in evidenza l'importanza dei fattori patologici come causa di malattia. La disciplina olistica sostiene che la diminuita resistenza causata dalle cattive abitudini e dallo stress, sia fisico che psichico, predispone il soggetto alle varie patologie. La malattia, quindi, è vista come uno squilibrio tra fattori sociali, personali ed economici, da un lato e cause biologiche dall'altro.

Paavo Airola, uno dei maggiori sostenitori della medicina olistica, annovera fra questi fattori stressanti la paura, le preoccupazioni, le tensioni emotive, i veleni esogeni provenienti dall'aria, dal cibo e dall'acqua inquinati, dai farmaci tossici, dall'eccesso di alcolici e di grassi alimentari, e dalla carenza di esercizio fisico, di riposo e di rilassamento. Per quanto riguarda la prevenzione, la disciplina olistica sostiene la necessità di stabilire e mantenere un equilibrio tra l'individuo e l'ambiente e la natura.

L'impostazione della disciplina olistica, che considera e cura la persona nella sua interezza, si contrappone all'approccio meccanicistico della medicina tradizionale, secondo la quale il corpo è visto come un insieme di diverse parti, curate separatamente l'una dall'altra, mentre non vengono presi in considerazione gli aspetti emotivi, energetici e spirituali della salute e della guarigione.

•Hai patologie che ti creano disagio emotivo-relazionale?

Con le tecniche messe a disposizione verrà ristabilito equilibrio emozionale, benessere fisico e mentale.

Ti propongo:

•Percorsi efficaci nella risoluzione di problemi fisici ( dolori cronici, contratture, emicranie, mal di schiena, insonnia, problemi gastro intestinali ecc.) naturalmente anche di natura emozionale.

I percorsi sono finalizzati ad individuare ed accompagnano la Persona a comprendere e a trovare le soluzioni alle cause  e ai sintomi del disagio attraverso le tecniche di reflecting,  rilassamento progressivo ecc .

• Ti insegnerò a ridurre e a gestire risposte emotive non equilibrate (come timidezza, ansia, autostima, nervosismo, ecc.).

 

 

Guarigione

La guarigione comincia quando smetti di percepirti come una persona che ha un problema.

Devi comprendere che ogni ostacolo sul tuo cammino ti insegna a diventare più forte ed a espandere il tuo potere creativo.

L’ostacolo esiste affinché tu possa creare una nuova situazione, la situazione ideale per te.

Guarigione significa aprire la mente a nuove possibilità che prima non vedevi.

Un altro modo per definirla è con la volontà di disimparare i vecchi schemi e crearne di nuovi, cosa che gli esseri umani chiamano “volontà di cambiare”.

Fare questo richiede coraggio e determinazione e ti costringe a uscire dalla scatola che contiene ciò che già conosci; questa scatola è la tua prigione è la tua "comfort zone”...  Roy Martina

Pedagogista clinico

La Pedagogia Clinica è una scienza sociale ed una professione di aiuto alla persona. Si rivolge alla persona, alle sue necessità e difficoltà con un approccio educativo. Educare, dal greco ex-ducere, significa “cavar fuori”, “tirar fuori” ed implica il passaggio da una situazione ad un’altra, l’evolvere e lo svilupparsi della persona. L’educazione rimanda, così, all’idea di percorso, di cammino, di sviluppo individuale attraverso la guida e l’orientamento dell’esperienza umana e la promozione della persona nella sua totalità ed unicità. Con l’utilizzo di metodi e tecniche propri della professione, la Pedagogia Clinica consente di sostare con la persona e sollecitarla alla possibilità di proporsi in dichiarazione all’altro.

 

In questo caso l’opera dello specialista è, quindi, un’espansione in conoscenza dell’altro. La prospettiva educativa certe all’elaborazione ed applicazione di progetti Pedagogico-clinici rivolti sia al singolo che al gruppo in qualsiasi età cronologica ed evolutiva. Il percorso ha come obiettivo portare la persona a vincere i propri disagi psico-fisici e socio-relazionali, favorendone la crescita e lo sviluppo individuale, in una prospettiva di arricchimento personale. Per questo l’intervento Pedagogico clinico più che focalizzare l’attenzione sui disagi, sulle carenze, sulle difficoltà della persona, ne mette in luce le potenzialità, le abilità e disponibilità allo scambio con gli altri.

La Pedagogia Clinica risponde alle esigenze individuali con interventi opportunamente studiati per la persona e le sue necessità.

 

A chi si rivolge:

• bambini, fanciulli e adolescenti con difficoltà cognitive, comunicative, psicomotorie e relazionali;

• adulti ed anziani in situazione di disagio, emotivo, psicomotorio e relazionale.

 

AREE DI INTERVENTO

 

• Analisi Pedagogico-clinica per conoscere l’individuo, le sue abilità e potenzialità.

• Consulenza tecnica e assistenza giudiziaria e peritale in ambito civile e penale

• Consulenza aziendale

•Interventi di sostegno e aiuto per il potenziamento delle capacità attentive, degli apprendimenti delle materie curriculari, delle abilità organizzativo-motorie

•Aiuto e sostegno a genitori in difficoltà

•Training per facilitare le modalità comunicative, emozionali, interattive e relazionali,

•Tecniche percettivo-corporee volte all’armonizzazione dell’unità corpo-mente.

•Tecniche per l’espressività motoria funzionale e relazionale.

•Reflecting

•Rinforzo ergico dell’Io (Coscienza e Conoscenza di se stessi)

•Training induttivo

Il Pedagogista clinico è un professionista del settore socio-educativo che, grazie a metodi e tecniche di diagnosi e di intervento proprie della pedagogia clinica, svolge attività di aiuto a persone di differenti età e con diversificati disagi. Differenziandosi da un modello sanitario, non si concentra sui disturbi e le incapacità, non corregge né cura, non ammaestra né riabilita, ma considera l'individuo nella sua interezza ed ha come obiettivo quello di attivare e valorizzare, attraverso una relazione con matrice pedagogica, potenzialità e risorse.

Con le sue conoscenze e competenze professionali, può svolgere attività come libero professionista o come lavoratore dipendente. La categoria dei pedagogisti clinici riveste un ruolo importante e tangibile nel mondo lavorativo, ne sono esempio le numerose attività degli associati ANPEC che, in proprio o in collaborazione con altri specialisti, sono impegnati presso strutture pubbliche e private come asili nido, istituzioni scolastiche, strutture per anziani, consultori, aziende sanitarie e ospedaliere, cooperative, comunità ecc.